Siti con elementi architettonici

Da DecArch - Decorazione architettonica romana.
Jump to navigation Jump to search

Torna all'indice

Decorazione architettonica e nomenclature

Roma

Monumenti romani

Altri luoghi

Monumenti post-romani e musei e collezioni

  • Collezione M
    • Catalogo della Collezione M (sezione Archeogia), che comprende numerosi elementi architettonici: numerosi capitelli (tuscanici, ionici, corinzi, corinzieggianti, a calice, compositi, figurati), fusti lisci e scanalati in marmi colorati ed altri elementi, tutti con fotografia e scheda pubblicate on-line. Tra questi sembra particolarmente interessante un frammento di cornice ionica con corona decorata da motivo ad 8 e soffitto decorato con baccellature[1] . La collezione, appartenente a privati, raccoglie opere provenienti dal mercato antiquario, raccolte a Roma a partire dagli anni 1930 e la sua valorizzazione è gestita dalla Fondazione Sorgente Group, costituita nel 2007 dal gruppo finanziario immobiliare Sorgente (direzione scientifica di Claudio Strinati).

Italia

I Latium et Campania (Lazio meridionale e Campania)

  • Cuma
    • Pagina sul Capitolium con foto di un grande capitello corinzio in due blocchi, di epoca flavia (?). (10.5.08)

II Apulia et Calabria (Puglia)

III Lucania et Bruttii (Basilicata e Calabria)

  • Mileto
    • Articolo di Marilisa Morrone Naymo sul Riuso dell'antico nei monumenti ruggeriani in Mileto. Si citano i materiali antichi reimpiegati nella chiesa abbaziale della Santissima Trinità (consacrata nel 1080, nel 1101 e nel 1166): basi attiche di colonna, databili tra II e III secolo d.C., una base attica con piedistallo in marmo proconnesio, del V secolo, e un basamento decorato, probabilmente reimpiegati nei pilastri del transetto. Si citano inoltre i diversi fusti di colonna (quindici conservati, di cui tre fusti rudentati). Si citano inoltre i capitelli: quattro corinzi asiatici di epoca tetrarchico-costantiniana, due capitelli a calice datati nella prima metà del II secolo (uno è mostrato alla fig.7), due compositi datati al III secolo, un capitello di semicolonna corinzio asiatico della fine del III - inizi del IV secolo e un altro corinzio normale del II secolo. La fig.6 mostra un capitello corinzio in marmo proconnesio datato in epoca flavia (?). Sono presenti anche altre cornici (una delle quali, angolare è mostrata alla fig.5 ed è reimpiegata attualmente nella ricostruzione seicentesca della chiesa), in marmo proconnesio e datate in epoca adrianea, che conservano visibili kyma lesbio trilobato con tratti aggiuntivi di tipo asiatico all'interno degli archetti, dentelli e kyma ionico, con spazi tra sgusci ed elemento intermedio non intagliati in profondità. Allo stesso tipo appartiene anche il frammento della fig.4, rilavorato con modanature lisce sul fianco sinistro, erroneamente indicato nella didascalia come base. (7.6.2008)
    • Capitello corinzio di colonna del Museo di Mileto (sul sito dell'Ordine dei medici e degli odontoiatri della provincia di Vibo Valentia) (lo stesso della fig.6 nel sito precedentemente citato) (10.5.2008)

IV Samnium (Abruzzo e Molise)

  • Abbazia di San Vincenzo al Volturno (comune di Castel San Vincenzo, provincia di Isernia)
    • Articolo di Rita Luongo e Maria Giorleo sui materiali scultorei di epoca classica reimpiegati nel sito archeologico: si pubblicano in particolare le immagini di un capitello corinzio frammentario datato all'epoca augustea, proveniente dall'absidiola nord della Basilica maggiore, di un capitello corinzio asiatico di colonna, datato al III secolo d.C., conservato in situ, di uno dei frammenti di fregi ionici con decorazione vegetale (girali) attribuiti all'epoca giulio-claudia, reimpiegati nell'abside, dei fusti lisci di colonne in marmo cipollino e pavonazzetto e in granito di Assuan (sul sito dedicato al monastero di San Vincenzo al Volturno dell'Università degli studi "Suor Orsola Benincasa di Napoli). (10.5.08)

V Picenum (Marche)

VI Umbria (Umbria)

VII Etruria (Toscana e Lazio settentrionale)

VIII Aemilia (Emilia-Romagna)

IX Liguria (Piemonte meridionale, Liguria)

  • Abbazia di San Fruttuoso di Capodimonte (comune di Camogli, in provincia di Genova)
    • Nella scheda sull'abbazia immagine di un capitello composito di colonna frammentario (probabilmente di età flavia), reimpiegato al primo piano del chiostro. (10.5.08)

X Venetia et Histria (Lombardia orientale, Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Istria)

XI Transpadana (Val d'Aosta, Piemonte settentrionale, Lombardia occidentale)

Sicilia

Sardegna e Corsica

  • Uta
    • Capitelli corinzi reimpiegati (uno nelle navate e uno, non intero, come acquasantiera, nella chiesa di Santa Maria, sul sito della Pro Loco (20.11.2012)

Province occidentali

Province ispaniche (Spagna e Portogallo)

Province galliche e alpine (Francia, Belgio, Austria, Svizzera)

  • Civitas Cadurcorum Cahors
    • 1 e 2 capitelli corinzi nel Museo "Henri Martin" di Cahors, provenienti dallo scavo della stazione ferroviaria.
  • Innsbruck
  • Lutetia Parisiorum Parigi
    • Museo Carnevalet: Architrave in calcare locale, rinvenuto in reimpiego e ipoteticamente pertinente agli edifici del Foro. Oggi conservato presso la sala dell'Orangerie del Museo Carnevalet
  • Marsiglia
    • Museo Borély: capitello corinzieggiante a pianta complessa, sul data-base della "Médiathèque de l'architecture et du patrimoine" del Ministero della cultura francese: cliccare su "consultation" e nel form che si apre digitare quindi nel campo "Nom de l'objet" il testo "Chapiteau corinthien antique" e lanciare la ricerca (la pagina non sembra direttamente linkabile).(10.5.08)
  • Poitiers
    • Sulla pagina che parla del teatro romano immagine di un capitello corinzio di colonna frammentario, attribuito alla frons scaenae, sul sito VieuxPoitiers.(9.5.08)
  • Segusium Susa (provincia delle Alpes Cottiae)
    • In una scheda sul foro cittadino sul sito Archeographe sono mostrate le immagini di elementi architettonici collocati nel Parco di Augusto (verso il basso nella pagina): un capitello corinzio di colonna, blocco inferiore e un rocchio di fusto rudentato, con imoscapo. (13.5.2008)
  • Vienne
    • Capitelli corinzieggianti figurati con serpenti e tripode, sul data-base della "Médiathèque de l'architecture et du patrimoine" del Ministero della cultura francese: cliccare su "consultation" e nel form che si apre digitare quindi nel campo "Nom de l'objet" il testo "Fragment de chapiteau" e nel campo "Lieu de conservation" il testo "Vienne" e lanciare la ricerca (la pagina non sembra direttamente linkabile).(10.5.08)

Province germaniche (Germania)

Province britanniche (Gran Bretagna)

Provice africane

Province africane occidentali (Marocco, Algeria, Tunisia, Tripolitania libica)

  • Timgad
    • Capitello composito e capitello corinzio di colonna conservati nel foro (foto del 1892), sul data-base della "Médiathèque de l'architecture et du patrimoine" del Ministero della cultura francese: cliccare su "consultation" e nel form che si apre digitare quindi nel campo "Lieu de conservation" Timgad e nel campo "Nom de l'objet" i testi rispettivamente "Chapiteau corinthien déposé" e "Chapiteau provenant du Forum" e lanciare la ricerca (la pagina non sembra linkabile direttamente).(10.5.08)

Cirenaica ed Egitto (Cirenaica libica, Egitto)

Province romane balcaniche

Grecia

  • Delfi
    • Capitello ionico e rocchio di colonna con sommoscapo e collarino, in marmo. Da notare sull'echino scolpito un motivo a treccia invece del kyma ionico, che compare invece come decorazione dei lati dell'abaco (Flickr, utente Aivalf). 14.5.08
    • Kyma ionico dal tempio di Apollo sul sito di Arachne (Istituto archeologico germanico - DAI e Istituto di archeologia dell'Università di Colonia)

Province illiriche e balcaniche (Albania, Repubbliche ex yugoslave, Romania, Ungheria, Bulgaria)

  • Histria
    • In un articolo di Irina Baldescu sulla rivista on-line Engramma (Histria. Recenti scoperte archeologiche sulla costa del Mar Nero. Intervista ad alcuni membri del gruppo di studio presenti sul campo a luglio 2006) si trova l'immagine di un capitello ionico di epoca ellenistica conservato nel locale museo. (10.5.08)

Province orientali

Cipro

Province dell'Asia Minore (Turchia)

Province mediorientali (Siria, Israele, Libano, Giordania)

  • Umm Qays (Giordania)
    • Fregio-architrave di una tomba romano-bizantina fuori dalla porta occidentale della città.

Raccolte di immagini di diversa provenienza

  • Italia nell'arte medievale contiene, organizzate per regione e luogo, numerosissime schede fotografiche di chiese e costruzioni medievali di tutta Italia con foto di dettaglio di particolari architettonici anche di reimpiego. (11.1.09)

Curiosità

Una cornice conservata presso Villa Mattei a Roma è stata oggetto di un'opera dell'artista Maurizio Tiberi. Ovo rutilante (opera fotografica con inserto polimaterico): vedi la foto nella galleria del sito dell'autore. L'opera è stata esposta presso la mostra collettiva L'uovo d'artista (VI edizione), del 2007, presso la galleria "Il Granarone" di Calcata.

Note

  1. La cornice viene datata erroneamente in età severiana, mentre sembrerebbe di epoca flavia: il motivo della corona riprende infatti il motivo con nastro ondulato già noto in epoca augustea (ad esempio il fregio delle esedre del Foro di Augusto)e non rappresenta invece, come riportato nella scheda, un motivo simile a quello del kyma lesbio "ad onda" presente nelle decorazioni delle terme di Caracalla (se ci si riferisce a questo) e derivato da una trasformazione del kyma lesbio continuo.